Code of Silence

Ottobre 10, 2022 - Tempo di lettura: 2 minuti

Descrizione band

Band di heavy metal inglese attiva tra il 2011 ed il 2014. Il seguente risulta essere l'unico album rilasciato.

Discografia

Dark skies over Babylon (2013)

Unico album di questa promettente band che parla della storia di un crociato. L'album è suonato molto bene e tutte le tracce sono ottimamente composte. "Sky is falling down" e "Seventh Seal" spiccano.

Tracklist: Omerta - Bitter Sweet Paradise - Sky Is Falling Down - Tame the Tempest - Dark Skies Over Babylon - Seventh Seal - Witches of November - Black Abyss - Knights of the Crimson Cross - Midnight Cathedral (Veritas) - Here to Heaven

[Link] - [Lyrics]


Grave Digger

Ottobre 8, 2022 - Tempo di lettura: 15 minuti

Descrizione band

[Fonte: Wikipedia]

I Grave Digger sono una band heavy metal formatasi negli anni '80, grazie a Chris Boltendahl e Peter Masson. Sono stati considerati tra le quattro migliori band del "German Power metal" insieme a Helloween, Rage and Running Wild.

Discografia

Symbol of eternity (2022)

Tornano i Grave Digger con un nuovo potente album. Sound consolidato da decenni. Segnalo le particolari "Grace of God" e "Hellas Hellas", cantata in greco.

Tracklist: The Siege of Akkon - Battle Cry - Hell Is My Purgatory - King of the Kings - Symbol of Eternity - Saladin - Nights of Jerusalem - Heart of a Warrior - Grace of God - Sky of Swords - Holy Warfare - The Last Crusade - Hellas Hellas

[Link]

Fields of blood (2020)

La band è al suo ventesimo album. Un prodotto maturo, ovviamente. Difficile dire che non sia valido.

Tracklist: The Clansman's Journey - All For The Kingdom - Lions Of The Sea - Freedom - The Heart Of Scotland - Thousand Tears - Union Of The Crown - My Final Fight - Gathering Of The Clans - Barbarian - Fields Of Blood - Requiem For The Fallen

[Link]

The living dead (2018)

[Link]

Healed by metal (2017)

[Link]

Return of the reaper (2014)

[Link]

Clash of the gods (2012)

Album maturo e ben suonato, in puro stile Grave Digger. "Medusa", "Walls of Sorrow" e "Call of the sirens" sono, a mio parere, i pezzi più ispirati, insieme a "Home at last".

Tracklist: Charon (Fährmann des Todes) - God of Terror - Hell Dog - Medusa - Clash of the Gods - Death Angel & the Grave Digger - Walls of Sorrow - Call of the Sirens - Warriors Revenge - ....with the Wind - Home at Last

[Link] - [Lyrics]

The clans will rise again (2010)

[Link]

Ballads of a hangman (2009)

[Link]

Liberty or death (2007)

[Link]

The last supper (2005)

Dodicesimo disco della band. Si caratterizza per alcune canzoni basate sulla vita di Cristo. La track che da nome all'album è notevolissima. Segnalo anche "Crucified".

Tracklist: Passion - The Last Supper - Desert Rose - Grave In The No Man's Land - Hell To Pay - Soul Savior - Crucified - Divided Cross - The Night Before - Black Widows - Hundred Days - Always And Eternally

[Link]

Rheingold (2003)

[Link]

The grave digger (2001)

[Link]

Excalibur (1999)

[Link]

Knights of the cross (1998)

[Link]

Tunes of war (1996)

Primo disco della trilogia medievale, ambientato nel periodo dell'indipendenza scozzese. E' considerato uno tra i migliori della band. Consigliato.

Tracklist: The Brave (Intro) - Scotland United - The Dark of the Sun - William Wallace (Braveheart) - The Bruce (The Lion King) - The Battle of Flodden - The Ballad of Mary (Queen of Scots) - The Truth - Cry for Freedom (James the VI) - Killing Time - Rebellion (The Clans Are Marching) - Culloden Muir - The Fall of the Brave (Outro)

[Link]

Heart of darkness (1995)

[Link]

The reaper (1993)

[Link]

War Games (1986)

[Link]

Witch Hunter (1985)

[Link]

Heavy Metal Breakdown (1984)

[Link]


W.A.S.P.

Ottobre 7, 2022 - Tempo di lettura: 18 minuti

Descrizione band

[Fonte: Wikipedia]

Band americana formatasi nel 1982, guidata da Blackie Lawless. Sono celebri per i loro concerti molto energici e caratteristici, quasi sempre arricchiti da performance scabrose o cruente, colme di allusioni sessuali, sangue finto, scenografie eccentriche e soprattutto un vestiario di forte impatto, e fortemente ispirati alle esibizioni di Alice Cooper, il pioniere di questo tipo di spettacoli. Gli W.A.S.P. vennero frequentemente classificati come hair metal a causa di una forte presenza scenica e di un look che ricordava fortemente quello esibito dai musicisti della corrente glam. In realtà, furono un'evoluzione di questo genere, andando a coniugare sonorità di puro stile glam statunitense con la potenza della scuola heavy metal britannica e le linee melodiche tipiche del rock and roll di stampo americano, oltre che dell'hard rock anni settanta stile Kiss.

Discografia

Golgotha (2015)

Un buon album, a mio parere migliore rispetto al precedente. Segnalo "Scream", "Last runaway", "Fallen Under" e "Golgotha", ma in generale tutte le canzoni sono buone, in puro stile inconfondibile WASP. 

Tracklist: Scream - Last Runaway - Shotgun - Miss You - Fallen Under - Slaves of the New World Order - Eyes of My Maker - Hero of the World - Golgotha

[Link] - [Lyrics]

Babylon (2009)

Quattordicesimo album, senza particolari sussulti. Tra le track due cover (Rush e Chuck Berry). "Seas of fire" la migliore, a mio parere.

Tracklist: Crazy - Live To Die Another Day - Babylon's Burning - Burn - Into The Fire -Thunder Red - Seas Of Fire - Godless Run - Promised Land

[Link] - [Lyrics]

Dominator (2007)

Album senza infamia e senza lode, nonostante non si possa dire che i pezzi non siano in perfetto stile Wasp e generalmente apprezzabili. Salvo in particolare "Teacher".

Tracklist: Mercy - Long, Long Way to Go - Take Me Up - The Burning Man - Heaven's Hung in Black - Heaven's Blessed - Teacher - Heaven's Hung in Black (Reprise) - Deal with the Devil

[Link] - [Lyrics]

The Neon God Part II - The Demise (2004)

[Link]

The Neon God Part I - The Rise (2004)

[Link]

Dying for the world (2002)

Album gradevole, senza particolari sussulti. "Shadow Man" e "Trail of Tears" spiccano sulle altre. L'album è dedicato alle vittime dell'attacco dell'11 settembre degli Stati Uniti.

Tracklist: "Shadow Man" - "My Wicked Heart" - "Black Bone Torso"- "Hell for Eternity" - "Hallowed Ground" - "Revengeance" - "Trail of Tears" - "Stone Cold Killers" - "Rubber Man" - "Hallowed Ground" (Acoustic)

[Link] - [Lyrics]

Unholy terror (2001)

Nulla di particolare in questo album, a mio parere poco riuscito. I pezzi non riescono a coinvolgere. Si salvano la ballad "Evermore" e "Charisma".

Tracklist: Let It Roar - Hate to Love Me - Loco-Motive Man (And the Killer Babies) - Unholy Terror - Charisma - Who Slayed Baby Jane? - Euphoria - Raven Heart - Evermore - Wasted White Boys

[Link] - [Lyrics]

Helldorado (1999)

[Link] - [Lyrics]

Kill Fuck Die (1997)

Probabilmente l'album più cupo ed ossessivo di tutta la discografia WASP. Testi e musiche a tinte oscure ed uso più spinto della voce distorta. La title track e "My tortured eyes" le migliori, a mio parere.

Tracklist: Kill, Fuck, Die - Take the Addiction - My Tortured Eyes - Killahead - Kill Your Pretty Face - Fetus - Little Death - U - Wicked Love - The Horror

[Link] - [Lyrics]

Still not black enough (1995)

[Link] - [Lyrics]

The crimson idol (1992)

Sicuramente uno degli album migliori e più rappresentativi. Un concept autobiografico sulla vita di un giovane rocker (con numerosi problemi familiari e personali) che viene disilluso ed usato dall'industria discografica ed i personaggi che gli girano intorno.

Tracklist: The Titanic Overture - The Invisible Boy - Arena of Pleasure - Chainsaw Charlie - The Gypsy Meets The Boy - Doctor Rockter - I Am One - The Idol - Hold On to My Heart - The Great Misconceptions of Me

[Link] - [Lyrics]

The headless children (1989)

Quarto album, anche questo senza infamia e senza lode. Pezzi sempre nello stile inconfondibile WASP. La title track spicca sulle altre, insieme a "The Neutron Bomber".

Tracklist: The Heretic (The Lost Child) - The Real Me (The Who cover) - The Headless Children - Thunderhead - Mean Man - The Neutron Bomber - Mephisto Waltz - Forever Free - Maneater - Rebel in the F.D.G.

[Link] - [Lyrics]

Inside the electric circus (1986)

Terzo album senza particolari sussulti. La band esegue due cover da Ray Charles e Uriah Heep. Segnalo "King of Sodom and Gomorrah" e "I'm Alive".

Tracklist: The Big Welcome - Inside the Electric Circus - I Don't Need No Doctor - 9.5.-N.A.S.T.Y. - Restless Gypsy - Shoot from the Hip - I'm Alive -  Easy Living" - Sweet Cheetah- Mantronic - King of Sodom and Gomorrah - The Rock Rolls On

[Link] - [Lyrics]

The Last Command (1985)

Secondo album della band, con un passo avanti in termini di composizione e qualità dei pezzi, anche se rimane inconfondibile lo stile. Segnalo "Wild child", "Widowmaker", "Cries in the night" e la title track.

Tracklist: Wild Child - Ballcrusher - Fistful of Diamonds - Jack Action - Widowmaker - Blind in Texas - Cries in the Night - The Last Command - Running Wild in the Streets - Sex Drive

[Link] - [Lyrics]

W.A.S.P. (1984)

Disco d'esordio che lanciò gli WASP sulla scena internazionale, con il caratteristico sound, la voce inconfondibile e lo stile visivo/grafico di impatto. Album buono. Su tutte spiccano "LOVE Machine" e "Hellion", a mio parere.

Tracklist: I Wanna Be Somebody - L.O.V.E. Machine - The Flame - B.A.D. - School Daze - Hellion - Sleeping (In the Fire) - On Your Knees - Tormentor - The Torture Never Stops

[Link] - [Lyrics]


Informazioni

Mini recensioni di band e album Rock & Metal. La navigazione è per nome della band. Non includo EP, singoli e live. Questa icona è associata ad album che segnalo con particolare attenzione.