Giocare a calcio senza palla

sissakoSono rimasto colpito da questo video che parla del film “Timbuktu” del regista Abderrahmane Sissako. Il film racconta del regime jihadista nel Mali che hanno imposto una legge della sharia rigida e molto violenta. Ciò che colpisce e che riguarda questo blog, tuttavia, è quando si parla della partita senza pallone che viene giocata dai ragazzi, perchè l’uso del pallone è proibito.

Si assiste, quindi, ad una sorta di rito che mette in scena una partita di calcio, senza pallone, che mima quello che dovrebbe accadere usando un pallone vero. Questo semplice gesto, simbolico, consente ai ragazzi di non violare la legge restrittiva, ma li “libera” e consente loro di ricorrere al mondo espressivo del gioco che abbatte ogni restrizione.

Questo apre anche numerosi interrogativi su come potrebbero essere giocati alcuni giochi senza alcuni componenti che li rendono fondamentali. La loro natura ne uscirebbe stravolta? Sino a che punto un gioco può essere spogliato dei suoi aspetti basilari in termini di componenti e, tuttavia, rimanere ancora “lo stesso gioco”?

Nel fare piccole ricerche per questo post, ho anche scoperto che, come era ovvio, esiste un regolamento del calcio senza palla, che trovate qui.

This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>